Camogli

Autentiche atmosfere marinare della Riviera

Camogli: arte & cultura

/

Basilica di Santa Maria Assunta

Costruita nel XII secolo, la Chiesa parrocchiale di Santa Maria Assunta ha subito nel tempo numerose ristrutturazioni e ampliamenti: insieme al Castello della Dragonara rappresenta ancora oggi uno dei simboli di Camogli. La facciata neoclassica della parrocchiale prospetta su di un bel sagrato seicentesco. All’interno, riccamente decorato con marmi e stucchi dorati, si conservano affreschi di Nicolò Barabino, Bernardo Castello, Carlo Baratta e, nella Sacrestia, una Deposizione di Luca Cambiaso, oltre a statue di Francesco Schiaffino ed un'urna argentata contenente le spoglie di S. Fortunato.

/

Museo Marinaro

Il Museo Marinaro di Camogli custodisce trecento anni di storia della Marina Velica Camogliese e dei suoi protagonisti: armatori, capitani e marinai. Intitolato al suo fondatore, lo studioso Gio Bono Ferrari, venne donato nel 1938 al Comune di Camogli. Conserva quadri, fotografie, modelli e documenti donati dai Camogliesi in ricordo di una parte degli oltre 2900 bastimenti a vela che tra le Guerre Napoleoniche e la Prima Guerra Mondiale furono acquisiti ed armati in questa città. Un emozionante luogo della memoria dedicato a persone vere.

/

Castello della Dragonara

Il Castello di Camogli, tradizionalmente conosciuto come Castello della Dragonara sorge nell’antico borgo marinaro di Camogli. È una fortezza costituita da un terrapieno quadrilatero dotato di una cinta con tre guardiole. Risalente al 1130, fu riedificato nel 1428 e più volte smantellato fino all’intervento del 1560, quando perse le sue funzioni militari. La forma del Castello, sembra essersi mantenuta inalterata nel corso dei secoli, e ricorda il periodo delle incursioni saracene. All’interno del Castello è oggi possibile visitare un’interessantissima mostra permanente multimediale Un portale sul mare che racconta la storia, le tradizioni ed il rapporto socio-economico che lega Camogli al mare.

/

San Fruttuoso

San Fruttuoso, frazione del Comune di Camogli, è un piccolo borgo di pescatori situato in una splendida baia alle pendici del Monte di Portofino, raggiungibile soltanto via mare, o a piedi, attraverso i sentieri del Parco di Portofino. Un posto straordinario, dominato dall’Abbazia di S. Fruttuoso di Capodimonte. Questo splendido monumento, oggi patrimonio del FAI - Fondo per l’Ambiente Italiano, ha origini antichissime, risalenti all'VIII sec. quando Prospero, vescovo di Tarragona, trasferì qui le ceneri di S. Fruttuoso, vescovo martire del III secolo. La Chiesa e l’annesso monastero, danneggiato dai saraceni, furono ricostruiti dai Benedettini nel X secolo ed acquistarono un grande potere nella zona. Nel XIII secolo passarono sotto il patronato della potente famiglia Doria, che edificò l’attuale struttura. Nel 1983 il FAI ha riportato l’Abbazia all’antico splendore, ed oggi l’Abbazia è visitabile e disponibile per straordinarie serate di gala. Immerso nelle acque della baia si trova il Cristo degli Abissi, protettore dei subacquei.

FAI - Abbazia di San Fruttuoso

Arte
& cultura

/
Basilica di Santa Maria Assunta

Basilica di Santa Maria Assunta

continua

Sport
& tempo libero

/
Pallanuoto

Camogli ha una solida tradizione pallanuotistica con la squadra ...

continua

Storia
& personaggi illustri

/

Di origini preistoriche, risalente al XVI secolo a.C., il borgo, già sotto il dominio dei vescovi ...

continua

Curiosità
su Camogli

/
Tonnara di Camogli

Nota già all’inizio del ‘600 la “Tonnarella” di Camogli è oggi una ...

continua

come
arrivare

/
IN AEREO

Aeroporto Cristoforo Colombo di Genova.
IN AUTO
Autostrada A12...

continua

i soci Portofino Coast in questa località

  • Recco
  • Camogli
  • S. Margherita Ligure
  • Portofino
  • Rapallo
  • Zoagli
  • Chiavari
  • Lavagna
  • Sestri
  • Moneglia


Info & Prenotazioni

Attraverso le vostre richieste specifiche Portofino Coast Incoming può predisporre le offerte su misura più adatte alle Vostre esigenze ed inviarvi un preventivo non impegnativo.

I campi contrassegnati da un * sono obbligatori


Inviando i dati sopra elencati, si autorizza il trattamento dei dati personali, nel pieno rispetto dei principi fondamentali dettati dalla Direttiva 95/46/CE e della Legge 675/96 per la protezione dei dati personali, della Direttiva 97/66/CE e dal D. Lgs. 171/98 per la tutela della privacy nelle telecomunicazioni.